Il volontariato e la sfida dell’accoglienza: presentazione della ricerca

Una ricerca del Csv di Bergamo indaga le nuove tipologie di persone disponibili a impegnarsi: i volontari “coatti” o “involontari”, gli “utenti”, i “fragili”. E cerca di aiutare le organizzazioni che, nonostante il bisogno, fanno fatica ad avvalersene. Tutti i dati nella pubblicazione “Il volontariato e la sfida dell’accoglienza”.

«Abbiamo bisogno di nuovi volontari» è una delle frasi che gli operatori dei Centri di Servizio per il Volontariato sentono pronunciare più spesso dalle associazioni. Quando però arriva il momento di accogliere qualcuno le associazioni non sono sempre pronte, aperte o disponibili. Se da un lato le organizzazioni di volontariato riportano come principale preoccupazione quella di trovare nuovi volontari per garantire continuità ai propri servizi, dall’altra gli operatori si trovano spesso in difficoltà nell’indicare enti disponibili ad accogliere i numerosi «aspiranti volontari». Sembra un paradosso. Per questo il Centro di Servizio per il Volontariato di Bergamo nel settembre 2018 ha deciso di avviare un percorso di ricerca, durato due anni e accompagnato dalla consulente Barbara Di Tommaso, che ha dato vita alla pubblicazione “Il volontariato e la sfida dell’accoglienza”, disponibile sul sito bergamo.csvlombardia.it

Il dato di partenza, molto interessante, è stata la constatazione che le persone che vogliono fare volontariato ci sono. Forse i loro profili sono cambiati, ma comunque la domanda resta alta. Nel servizio di orientamento CSV Bergamo da alcuni anni incontra persone che si avvicinano al volontariato per i più svariati motivi, e alcuni di loro non rientrano nel canone che le associazioni si aspettano come “normale” aspirante volontario, il “volontario efficiente” che afferisce al volontariato più tradizionale portando energie e competenze. Oggi arrivano al CSV anche profili che possono rappresentare risorse, ma allo stesso tempo necessitano di una collocazione accompagnata e mirata: gli “utenti”, tutti i cittadini e le famiglie che arrivano dal sistema dei servizi sociali e spesso sono anche beneficiari delle azioni di alcune organizzazioni; i “volontari coatti” o “volontari inVolontari”, cittadini obbligati a fare attività di volontariato per diverse ragioni (messa alla prova, lavori di pubblica utilità, detenuti che scontano il fine pena fuori dalla struttura penitenziaria, studenti in sanzione disciplinare); i “volontari fragili”, persone che portano con sé bisogni particolari e si avvicinano al volontariato alla ricerca di socialità o per un bisogno terapeutico. Sono tipologie di volontari che possono evolversi nel corso del tempo, ma definirle ha aiutato gli operatori a comprendere meglio le fatiche dell’accoglienza e quali strumenti mettere in campo per incentivarla. 

Dal lavoro di ricerca emerge che non sempre le associazioni sono preparate ad accogliere queste persone. Alcune non se la sentono, altre non stanno nemmeno ad ascoltare, altre ancora sono più predisposte ma si accorgono che questo significa tenere in considerazione aspetti diversi rispetto a quelli a cui sono abituate, infine ci sono quelle aperte all’accoglienza senza se e senza ma perché lo sentono come parte della propria missione. I dati emersi dicono che l’8% delle associazioni censite è “aperta senza condizioni”, il 30% ha una ampia e intenzionale propensione all’accoglienza, il 28% accoglie a partire da condizioni selettive, il 28% è disponibile e solo il 6% ha una limitata propensione all’accoglienza. Dati incoraggianti, che però sono accompagnati dalla riflessione che per accogliere nuovi volontari è necessario essere preparati e conoscere anche gli aspetti burocratrici e tecnici a cui si va incontro. All’interno della pubblicazione sono nate, così, anche alcune schede che possono essere utili per le associazioni che vogliono predisporsi all’accoglienza: definire in che tipologia rientra il volontario e quali aspetti vanno presi in considerazione aiuta a mettere in campo attenzioni e strumenti adeguati, oltre che a rispondere ad eventuali obblighi di legge. E in questo modo l’esperienza sarà di maggiore valore anche per l’aspirante volontario, che potrà sentirsi accolto con le proprie caratteristiche e potenzialità e rendere così il suo servizio una risorsa per l’associazione. 

La pubblicazione della ricerca verrà presentata nel mese giovedì 14 gennaio 2021 alle 18.00 online sulla piattaforma Zoom nel corso degli Stati Generali del Volontariato Bergamasco 2021. Per partecipare alla presentazione è richiesta l’iscrizione compilando l’apposito form disponibile cliccando qui. Per maggiori informazioni scrivere a bergamo@csvlombardia.it

Articolo pubblicato sul sito www.csvnet.it e su Vita Non Profit

Media

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!