Per approfondire/Gli uomini e la storia. Partecipazione e disinteresse nella storia d’Italia

Attraverso cinque saggi che scandiscono il percorso di ricerca di Claudio Pavone, Gli uomini e la storia (edito da Bollati Boringhieri nel 2020) presenta alcuni dei contributi più rilevanti dello storico e propone una visione coerente della fase fondatrice della nostra Repubblica che affonda le sue radici fin dalla «crisi della democrazia risorgimentale».

Cuore del volume è rappresentato dal saggio sulla continuità dello Stato tra il fascismo e l’immediato dopoguerra, pubblicato per la prima volta nel 1974, e sempre più attuale.

Ogni saggio è legato nella chiara e puntuale prefazione di David Bidussa a una parola chiave (Resistenza tradita, zona grigia, totalitarismo), tracciando così un discorso unitario e coerente della cornice interpretativa dello storico di Una guerra civile.

Mai come oggi la società civile è tenuta a interrogarsi sul senso della storia e su un passato non ancora condiviso. È quindi sempre più opportuno rivolgersi agli studiosi che si sono dedicati con serietà e passione alla riflessione sulle costanti, che sembrano sempre ritornare, della nostra storia nazionale.

Media

Stati Generali Volontariato Bergamasco 2021