Per approfondire/Vite a distanza. Dal contatto al contagio

All’inizio della pandemia abbiamo avuto l’impressione, quasi surreale, di vivere dentro la dimensione distopica di tanta letteratura di fantascienza. Poi, ci siamo resi conto, con malcelato disincanto, che eravamo entrati in scena da protagonisti nel contesto del mondo reale.

Nel libro “Vite a distanza. Dal contatto al contagio. Le sfide del Covid-19 e la società che verrà” edito da Maggioli nel 2020 Giovanni Devastato accetta la sfida di mettersi in gioco contribuendo, con riflessioni e approfondimenti, a scompaginare e reimpaginare nuovi codici interpretativi alla ricerca di un’alternativa non solo per capire cosa faremo dopo, ma soprattutto come andiamo oltre.

Dal dopo all’oltre: è il vero compito che ci è dato in questa era assiale. L’esposizione, man mano che si avanza nella lettura, in alcuni casi sembra avere venature apocalittiche, ma non cede mai ad un cupo pessimismo cosmico. Si tratta piuttosto di seguire un approccio radicale, di andare alle radici delle cose. Del resto, è da una prospettiva di radicalità, che è possibile distillare speranza, spalancare finestre utopiche, dispiegare scorci di futuro. Specie se a ciò si accompagnano una visione lucida del reale, una responsabilità vigile, un impegno tenace verso la costruzione di un nuovo mondo a venire come casa comune dell’umanità.

Il lettore si troverà di fronte ad un interrogativo cruciale: vogliamo salvare il futuro o un effimero istante? Una domanda apparentemente semplice, ma con implicazioni complesse e che esige uno sforzo collettivo da parte di tutti quegli attori sociali che hanno a cuore la prospettiva ardua, ma non velleitaria, di una Costituente della Terra.

Media

Stati Generali Volontariato Bergamasco 2021