Per approfondire/Capitalismo vitale. Pandemia e trasformazioni del lavoro

L’intreccio di pandemia e crisi economica si è riversato con durezza su alcuni settori del mondo del lavoro. Ricardo Antunes, professore dell’Università di Campinas e consulente del Movimento Sem Terra, nel suo libro “Capitalismo vitale. Pandemia e trasformazioni del lavoro” porta avanti una analisi sociologica per mostrarci come l’economia di mercato si traduca in un sistema di “metabolismo antisociale del capitale”, che ha proiettato i suoi effetti negativi su ogni sistema politico. Le conseguenze di questa situazione sono la riduzione crescente del tempo di vita utile delle merci alla distribuzione dell’ambiente nonché l’accumulo di ricchezze da parte delle corporation globali. Il Covid-19 ha intensificato l’estrazione compulsiva del superlavoro tra precarizzazione e disoccupazione strutturale. La soluzione è per Antunes contrapporre a tutto ciò la felicità sociale titpica delle popolazioni indigene e una forma di proprietà sociale.

Media

Stati Generali Volontariato Bergamasco 2021